sabato 19 maggio 2012

Siamo messi bene


L'idea geniale comunque è quella del concorso letterario "in rete" in cui gli aspiranti scrittori si giudicano fra loro. Almeno così non rompono i coglioni coi manoscritti "depositati in SIAE" e inviati per raccomandata con ricevuta di ritorno. L'avete voluta la democrazia digitale? Emmò diggitate.


Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento